Da settimane non si parla d’altro.”Saltburn“, film di Emerald Fannell con protagonista Jacob Elordi, si è rivelata la pellicola più vista sulle piattaforme streaming, diventando istant cult della Gen Z; un successo fulmineo, dovuto ad una trama thriller psicologico avvincente e una cura maniacale dei dettagli, costumi compresi. Nell’opera della regista gli abiti di scena sono parte integrante del racconto, in quanto determinano il rapporto di forza tra le classi sociali differenti proiettando lo spettatore in un’epoca recente anche se ormai lontana: il 2007.

Il dress code come elemento principale

La storia del film è semplice: la trama parla di Oliver (Barry Keoghan) matricola dell’Università di Oxford, contesto esclusivo ottenuto dal protagonista grazie ad una borsa di studio. Qui incontra Felix (Jacob Elordi), affascinante e ricchissimo aristocratico che, una volta conosciuta la storia difficile del compagno, decide di accoglierlo durante il periodo estivo a Saltburn, enorme tenuta lussuosa in cui, dopo una serie di avvenimenti, verranno ribaltati i ruoli sociali tra giochi di potere, erotismo e colpi di scena.

Life&People MagazineLa moda è centrale fin dall’inizio. Nel primo giorno di lezioni Oliver è schernito dai colleghi per indossare una giacca fin troppo formale e datata. Il problema con il guardaroba sarà poi una costante in tutta la prima parte del film, soprattutto quando il protagonista scopre che a Saltburn è imposto un dresscode elegante durante i pranzi e le cene. Particolare attenzione viene rivolta anche al cambio di atteggiamento di Oliver, riconducibile al look della sua festa di compleanno dove appare sul grande schermo con una mise glamour e hipster praticamente opposta rispetto a quella vista nelle battute iniziali.

Da Gucci e Chloé: costumi di scena di un revival degli anni 2007?

Grande lo sforzo della costumista Sophie Canale che, per seguire uno stile più coerente possibile con la realtà, si è affidata all’archivio del social Facebook, studiando nel dettaglio le fotografie moda del 2007, anno in cui è ambientata la vicenda.

Saltburn film Elordi Costumi Life&People MagazineNon è facile ricordare tutti i capi d’abbigliamento (alcuni di questi vere chicche) che compaiono durante il film. Durante le riprese nel college britannico la scelta è ricaduta su abiti provenienti da grandi marchi come Abercrombie and Fitch, Hollister e Jack Wills, oltre che alcuni pezzi della prima collezione di Kate Moss per il brand TopShop, quest’ultima unica selezione non coerente considerato che la prima relase è del 2010, dunque tre anni dopo lo svolgimento dei fatti.

Saltburn film Elordi Costumi Life&People MagazinePiù lussuosi invece i costumi per le scene ambientate nella tenuta di Saltburn, tra cui si fanno spazio completi di Valentino e Dior ma anche splendidi abiti di Chloé, Christopher Kane, Jenny Peckham e Agent Provocateur. Il mix tra casual-chic ed eleganza rende nuovamente virali le vibes 2007, illuminando da un altro punto di vista il trend di una moda anni 2000 che aveva già fatto breccia nei giovani grazie a “Skins”, serie tv britannica incentrata sulla vita sregolata di un gruppo di giovani e problematici teenager.

Life&People Magazine

I costumi più iconici di Saltburn

I due protagonisti occupano chiaramente una posizione di primo piano sulla scelta dei costumi, anche se in questo caso a rubare l’occhio è Jacob Elordi, capace di bucare lo schermo con un carisma editoriale innato, già sfoggiato le drama “Euphoria”. Tra i suoi outfit più apprezzati impossibile non citare la semplice polo firmata Ralph Lauren con colletto bianco abbinata a pantaloni in tela scarpe da tennis. Grande risalto anche agli attori non protagonisti, una tra tutte la splendida Rosamund Pike, che nel film ricopre il ruolo della madre di Fèlix, meravigliosa veste creazioni ricche di charme; pezzi d’archivio di Alexander McQueen e di Valentino, accompagnati da giacche sartoriali e jeans bootcut e una palette colori molto ampia.

 Life&People MagazineGioca con il trend indiesleaze infine Venetia (Alison Oliver), stralunata sorella di Felix, il cui carattere difficile è accentuato da un body animalier di Agent Provocateur.

Leggi anche: “Povere creature” e il sequel di “Joker”: i film più attesi del 2024

Condividi sui social