Il piacere delle donne è un diritto e le italiane lo stanno scoprendo. Con curiosità e apertura mentale il mondo femminile sta alzando gli orizzonti del mondo dell’eros occidentale, condizionato da secoli d’ipocrisia e perbenismo.

La donna, non più schiava o, ancella timorosa, guadagna la parità nel mondo dell’erotismo e si scopre portatrice di nuovi stimoli.

Ne parliamo con Tiziana Russo, donna e imprenditrice. Da tredici anni traghetta nel suo chic sexy shop di Roma il gentil sesso verso nuove sponde del piacere attraverso la promozione di strumenti ludici e prodotti propedeutici al dialogo amoroso.

Con lei, tra gioielli e strumenti erotici, candele da massaggio, cosmetica erotica, piumini e lingerie sexy ed accattivanti è possibile oltrepassare la soglia dei tabù attraverso incontri di gruppo a tema prestabilito, rigorosamente moderati dalla sessuologa Maria Claudia Biscione.

Il must è sempre quello: il piacere delle donne è figlio della conoscenza e alla base della soddisfazione non può che esserci l’informazione

Ma il vero segreto per un reale appagamento continua a essere il tempo che una coppia dedica, senza distrazioni, alla propria intimità.

Tiziana, lei tredici anni fa ha aperto “Zouzou”, il sexy shop più chic della capitale.

Un luogo particolarissimo, dedicato al piacere delle donne.

chic sexy shop di Roma Zou Zou Life&People Magazine LifeandPeople.it

Cosa è cambiato, in questi anni, nelle richieste del pubblico femminile? In altre parole, in che modo le donne italiane si sono emancipate?

“Tutto è cambiato, ma quello che maggiormente è emerso è stato lo spirito ludico e giocoso che le ha mosse: le donne sono sicuramente più aperte e curiose della maggior parte degli uomini.  Sono disposte a crescere e a mettersi in discussione, aperte a conoscere i giochi e le pieghe dell’intrattenimento sessuale, partendo dai sex-toys e arrivando alla corsetteria.

Hanno capito che la magia è nella leggerezza e nella freschezza che devono ritrovare soprattutto nei rapporti di lunga data.

Il target dei suoi clienti è costituito più da coppie o da single?

“Questo è un posto per le coppie. Coppie amorose, coppie miste, coppie clandestine, coppie di ogni genere, però noi puntiamo soprattutto sull’erotismo femminile, cercando di sdoganare l’idea che il piacere sessuale debba essere qualcosa da nascondere.

E’ per questo che noi da anni organizziamo workshop sul piacere delle donne, scegliendo tematiche incandescenti, presentiamo libri e collaboriamo con una sessuologa.

La stessa trasmissione televisiva “La Mala Educaxxxion”, ancora in onda su un noto canale televisivo, nasce dalle nostre serate.

Abbiamo creato un format a metà strada tra l’intrattenimento e l’educazione sessuale, rivolto soprattutto alle donne; poi nel tempo la clientela si è allargata e in parte abbiamo aperto anche al pubblico maschile.

Nei vostri incontri, qual è stato l’argomento più dibattuto?

“Senza dubbio le nostre serate cult sono state quelle sul sesso orale. E’ qui che girano infinite curiosità e timori, primo tra tutti quello di non soddisfare le aspettative del partner.

Ma il bello di queste occasioni è proprio nella condivisione e nell’informazione che consentono di comprendere che certi problemi o paure sono comuni e frequenti in tutte le donne.

Questa consapevolezza alleggerisce molti carichi emotivi e consente al pubblico femminile di non sentirsi inadeguato.

il piacere delle donne chic sexy shop Zou Zou Roma Life&People Magazine LifeandPeople.it

In un’ottica globale quali sono le donne più aperte e libere?

“Sicuramente le donne tedesche, ma anche le inglesi”

E alle donne italiane cosa piace di più?

“I sex-toys e la lingerie sexy. E noi in questo senso ci stiamo organizzando per il lancio di un nostro marchio di corsetteria erotic-chic interamente Made in Italy, dal design alla produzione.

Per quel che riguarda i sex-toys posso dire che sono nati per un pubblico femminile ma ora si stanno sorprendentemente estendendo anche verso una platea maschile eterosessuale, oltrepassando un grande tabù.

In quale maniera il lockdown ha influito sugli acquisti e le tendenze?

“Al di là di quello che si è scritto durante i mesi della chiusura, in cui a detta dei giornalisti sembrava ci fosse stato il boom dei vibratori, posso dire che questi oggetti di piacere sono ormai sdoganati da tempo e non hanno avuto alcun incremento durante il confinamento.

La vera differenza si è vista per tutta la sezione della cosmetica erotica.

Gli olii o le candele per il corpo dedicati al piacere delle donne, i prodotti da massaggio e per l’eccitamento, gli accessori e le creme per i capezzoli: tutto ciò che nutre il corpo e i sensi.

E’ come se le persone avessero consapevolizzato il fatto di avere del tempo a disposizione e abbiano voluto sfruttarlo al meglio.

D’altronde non c’è nulla di più importante per una coppia che prendersi degli spazi da dedicare ai propri incontri amorosi, perché la routine tende a soffocare la libertà espressiva e la possibilità di esplorare il piacere, le sensazioni e i cinque sensi.

Noi siamo una società fallocentrica, completamente concentrata sui genitali, ma è l’intero corpo che va esplorato”.

Per il futuro, ricordiamo di prenderci del tempo anche fuori dal lockdown.

Condividi sui social
Per non perdere gli articoli di Life & People seguiteci su Google News