Il 9 marzo 2020 un virus, con la ferocia della peste o del colera, colpisce l’Italia alla velocità del male; alla velocità di una foglia caduta fra venti contrari, spinta  in avanti, verso un futuro disutile e municipalizzato dall’economia europea.

I fiori del male di un Italia colpita dal virus, muovono una massa di popolo verso lo spleen…

Lo sapeva Baudelaire come nasce il male, ché l’Ottocento non è poi così lontano! Così, le società immunocompetenti, il 9 marzo, provano lo stesso sentimento di disgusto, croce e vizio della modernità.

Il popolo osserva lo spettacolo squallido e alienante della metropoli moderna.

I poveri fanno i conti con la spesa, con le bollette e i bonus promessi e mai arrivati; i ricchi dai loro attici, dalle villette con giardini che superano in ettari i parchi pubblici, restano isolati, non si confrontano con la povera gente.

Vip e calciatori moltiplicano i post virtuali: vivono in sontuose ville panoramiche ai piedi del mare, in chalet con vista sulle Dolomiti, in eleganti masserie; i poveri restano incastrati dentro a monolocali, ad appartamenti senza terrazzi, con le finestre strette, e alti palazzi davanti, da cui non passa nemmeno il sole.

Questa struttura sociale ha a che fare con lo Spleen. Così l’1 per cento si salva, abita i piani mediani, mentre i poveri vivono nei seminterrati.

Lo spleen, appartiene alla gente comune; l’ ideale agli eletti, ai non precari, ai votati al vitalizio.

Il 9 marzo i fiori del male restano per le strade. Crescono nella terra secca dell’Italia. I semi vengono da Wuhan, e l’umanità sperimenta la propria impotenza.

I rapporti sociali mutano: nessun gesto terapeutico, nessuna stretta di mano. La salvezza è in asettici mondi virtuali, è nella caccia all’untore, in cui si arruolano fantomatici medici della peste.

Esaurite tutte le possibilità, ci si affida ai poeti: la bellezza per Baudelaire è da ricercare nella morte, non il passaggio a un’altra vita, ma il viaggio, in realtà, verso un mondo disperato, nel tentativo di trovare qualcosa di diverso dallo spleen.

Si può estrarre la bellezza dal male?

Il fiore come tale, vale solo la bellezza di un secondo, il male, nato dallo spleen, rende inutile il fiore, che così finisce nel fango.

Allo stesso modo la morale e l’etica si mescolano alle classi opulente. “Volete un antidoto al virus?  – vi chiederebbe Baudelaire – guardate nei vostri cuori!”

Il virus, d’altra parte, non è altro che la punta infangata di una serie di cuori.

Leggi anche – Coronavirus: viaggio al termine della notte 

 

Condividi sui social
Per non perdere gli articoli di Life & People seguiteci su Google News