Francesca Giuliano, splendida 36enne nata a Cannes e figlia di italiani. Solo fino a tre anni fa era una ragioniera precaria. La notorietà in Italia è arrivata quando è stata scelta per incarnare la ragazza degli anni ‘50 nel programma preserale su Rai Uno “Avanti un altro”.

Una delle fortune di Francesca è stata che il preserale fosse condotto proprio dal suo presentatore televisivo preferito, Paolo Bonolis ribattezzato da lei nelle gag del programma il “Sig. Paolo”.

Francesca Giuliano si racconta in un’intervista ai lettori di Life&People

e spiega che a volte lottare contro le proprie “curve” non serveInterpreta dal 2017 la ragazza degli anni ‘50 nella trasmissione televisiva “Avanti un altro” condotta da Paolo Bonolis.

Cosa rappresenta per te la femminilità e come la esprimi in questo ruolo?

«La femminilità per me rappresenta la vera essenza della donna. È insita dentro ognuna di noi ma c’è chi ne è maggiormente consapevole e riesce ad esprimerla nel modo di vestirsi, di interloquire, di ammiccare, di porsi.

Molte donne non la vogliono manifestare magari a causa delle loro personali vicissitudini. Io amo esprimere la mia femminilità in tutto: attraverso il sorriso, nella scelta del make-up, indossando un abito che risalti le mie forme.

Potrei dire che “ostento” la mia femminilità ma in fondo una donna che non è femmina che donna è?»

È vero che hai dovuto combattere in questi anni contro i tuoi chili di troppo? Come hai vissuto il tuo cambiamento fisico?

«Sì, ho dovuto combattere per anni contro il problema del sovrappeso e contro quelle forme che erano eccessive prima di tutto negli occhi e nell’opinione degli altri.

Ho combattuto anche contro i mass media che hanno tentato di inculcare l’ideale della donna magra a tutti costi negli anni ’90.

Quando il trend cominciava ad essere questo io ero ancora una bambina ma già le mie forme erano “lievitate”. Nel momento in cui invece ho deciso di accettarmi per quella che ero sono arrivate le opportunità nel mondo della moda, della televisione, del cinema e oggi sono la “curvy” più famosa della tv.»

Francesca Giuliano Life&People Magazine lifeandpeople.it

Francesca Giuliano: la “curvy” più famosa della tv

Francesca Giuliano rappresenta un richiamo alla donna italiana “d’altri tempi”.

Cosa ne pensi delle cosiddette buone maniere e di un possibile ritorno al corteggiamento?

«Penso che si debba assolutamente tornare a dare valore alle buone maniere e al corteggiamento!  Forse questi aiuterebbero anche a ricordare l’importanza del rispetto per la donna, visti i gravissimi episodi di cronaca che raccontano una violenza sulle donne inaudita.

Secondo me la donna è il motore della vita perché dà la vita. Inoltre io sono single… e cerco proprio un “uomo d’altri tempi”».

Francesca ha colpito il pubblico italiano per la sua indole femminile ed esuberante unita ad una capacità di provocare forte attrazione sessuale.

Come vivi questo stato? Ricevi spesso proposte indecenti e provocazioni?

«Non ho mai ricevuto proposte indecenti da quando sono entrata nel mondo dello spettacolo. In passato mi è successo di riceverne in maniera velata.

In quel caso non mi ha dato fastidio più di tanto la proposta in sé ma il fatto che alcuni uomini pensino di poter comprare una donna come se fosse un oggetto.

Una donna può avere un naturale atteggiamento provocante, ma questo non autorizza nessuno a farle delle proposte indecenti o a mancarle di rispetto.»

Sei una modella curvy e vai fiera delle tue forme: ti ritieni una “femme fatale”?

«A volte mi ritengo una “femme fatale”, lo ammetto! (ride). Mi ritengo una donna che si piace e che ama piacere.»

Da anni ti batti per contrastare anoressia e bullismo e sei contro qualsiasi forma di discriminazione. Raccontaci qualcosa in più del tuo impegno al riguardo.

«Mi batto da molti anni contro i disturbi alimentari: dobbiamo aiutare le ragazze ed i ragazzi con questi problemi che, al contrario di quanto si pensa, colpiscono anche il mondo maschile.

La diversità è l’unicità di ogni persona vanno valorizzate e rispettate. Se nasciamo fisicamente con caratteristiche differenti gli uni dagli altri dobbiamo apprezzarle, perché queste ci rendono unici.

Porto avanti questi principi in particolare attraverso il progetto #ddidonne contro le discriminazioni, le violenze verbali e fisiche.»

Hai qualche sogno nel cassetto? Svelaci i tuoi progetti e le ambizioni per il futuro.

«Mi piacerebbe che il cinema italiano si accorgesse di me. Diventare una brava attrice è la scommessa che ho fatto con me stessa e che devo assolutamente vincere. Gli altri progetti… Non posso svelarli!»

Candy Valentino – Enrico Sanchi

Condividi sui social