Sappiamo bene quanto un ambiente di design come la cucina rappresenti il punto focale dell’intera casa.

Ne è considerato il vero e proprio cuore pulsante, un luogo deputato alla creatività e allo stare insieme, specialmente nel caso in cui il soggiorno sia comunicante in stile open space, progetto sempre più richiesto in presenza di spazi adeguati.

Se all’inizio la cucina era ritenuta quasi una stanza di serie B (un locale ‘tecnico’) e in fase di progettazione non si badava troppo al suo aspetto estetico o ai dettagli di design, oggi le cose sono cambiate e c’è stata anzi una rivoluzione profonda.

Progettare i nuovi ambienti: una sfida a più livelli

E’ cambiato il nostro rapporto con il cibo e abbiamo compreso quanto sia importante una sua preparazione a regola d’arte.

Siamo disponibili a passare molto tempo nella nostra cucina, a patto che sia bella e pratica.

Ecco perché sempre più spesso, sia nell’ambito di una ristrutturazione che di un restyling, si punta sul design e si scelgono cucine progettate da Poliform, azienda leader nel settore e di respiro internazionale.

Quando arriva il momento di scegliere e arredare la cucina, sono molti gli elementi da prendere in considerazione.

E una sfida entusiasmante, sia per il progettista che per la persona che punta a dare forma ai nuovi ambienti.

Si dovranno tenere di conto sia gli aspetti estetici che quelli pratici e funzionali, affinché la gestione del tempo e degli spazi in questo contesto sia sempre ottimale.

Stili, materiali e soluzioni funzionali: ogni cosa in una cucina di design è innovativa e originale.

cucina di design Poliform Life&People Magazine LifeandPeople.it

Le caratteristiche delle cucine di design

Quando si pensa a una cucina di design la mente corre subito all’aspetto estetico e alla bellezza di forme e materiali.

Sono elementi centrali, senza dubbio, ma non sono gli unici che contribuiscono in fase di scelta di stili e modelli.

La gestione della cucina nella vita quotidiana infatti deve essere il più agevole possibile.

Quanto al concetto di design, un tempo identificato con la bellezza fine a se stessa, è oggetto di una continua rivoluzione.

I materiali sono sempre più all’avanguardia e gli elettrodomestici sono diventati smart per esserci di supporto in ogni nostra attività.

Colori e finiture contribuiranno ad accentuare l’effetto wow e ad alzare l’asticella dell’eleganza.

Ecco quali sono le caratteristiche chiave che qualificano e identificano una cucina di design.

Si tratta in primis del minimalismo e dell’essenzialità delle linee presenti.

Le maniglie spesso scompaiono, i top si assottigliano e mancano del tutto orpelli e decorazioni che rendono ogni modulo lineare.

La modernità è un altro tratto distintivo, che si nota nei materiali e loro finiture.

Si tratta in genere di pietre sinterizzate, acciaio, derivati dal quarzo come l’okite oltre a marmi e graniti che garantiscono una lunga durata nel tempo.

L’importante è che questi materiali siano facili da pulire e antibatterici oltre che belli e piacevoli al tatto: venendo a contatto con i cibi, inoltre, non devono rilasciare alcuna sostanza.

Diamo uno sguardo ai colori tipici di una cucina: la base è generalmente bianca o nera, per il resto non ci sono grossi limiti.

Le incursioni fluo non sono così rare, ad ogni modo si resta su tonalità piuttosto neutre con variazioni nella scala di grigi e marroni.

cucina di design Poliform Life&People Magazine LifeandPeople.itLa cucina di design è generalmente una cucina di tipo ergonomico, la cui progettazione ‘segue’ quelli che sono i movimenti del cuoco affinché siano sempre agevoli.

Questo perché le abitazioni moderne sono spesso di ridotte dimensioni e, dunque, diventa essenziale ottimizzare gli spazi offrendo massime prestazioni.

Ogni gesto diventa più rapido e veloce perché tutto è a portata di mano.

E questo grazie all’assoluta versatilità che caratterizza ciascuna composizione: in tal modo le cucine moderne possono adattarsi ad ambienti e stili d’arredo sempre diversi, dialogando con il resto della casa.

D’altra parte una cucina contemporanea offre possibilità di personalizzazione praticamente infinite.

Guarda anche – Stile anni ’50: il mood vintage che conquista la cucina

Condividi sui social
Per non perdere gli articoli di Life & People seguiteci su Google News