La dimora di Ernest Hemingway a Cuba, dopo tre anni di lavori, nel 2019 è diventata un casa museo. La Hemingway house si trova San Francisco de Paula, a pochi chilometri da L’Havana.

La residenza Villa Finca Vigìa fu acquistata da Hemingway nel 1940. Ci visse con la terza e la quarta moglie, la sua moltitudine di gatti e vi raccolse una biblioteca di circa diecimila volumi.

Nella casa di Hamingway, oltre ai mobili originali e alla sua iconica macchina da scrivere, ci sono alcune importanti opere d’arte di Pablo Picasso e Ernst Paul Klee.

Il cortile ospita la famosa piscina, dove l’attrice Ava Gardner fece il bagno nuda, e il suo panfilo El Pilar.

Le meraviglie di Cuba hanno ispirato Hemingway

Hemingway in questi luoghi riuscì ad esternare la sua grande passione per la pesca al marlin, narrata poi in pagine immortali.

Tutti sogniamo di sdraiarci al sole sulle splendide spiagge di sabbia bianca e mare trasparente di Cuba. Chi non desidera l’incanto dei tramonti romantici come quello su El Malecón?

E le meravigliose e coloratissime Cadillac? Perché non farsi un giro a bordo di una quattro ruote degli anni ‘50 e attraversare le strade ornate da case colorate, fino a giungere nei leggendari club dove la notte è sempre viva?

I luoghi principali frequentati dallo scrittore hanno lasciato tracce indimenticabili nell’immaginario collettivo e nella consueta vita de L’Havana, contribuendo al fascino dell’isola di Cuba.

Ernest Hemingway ha avuto tanti amori, ha partecipato a ben due conflitti mondiali in Italia, Francia e Spagna ed è stato un grande viaggiatore.

Però, di tutte le città e continenti visitati, Cuba con le sue meraviglie ha stregato Hemingway così tanto da spingerlo ad andarci a vivere.

Cuba non è solo un’isola, è una filosofia, un modo di vivere

Nella sua casa sull’isola Cubana, il popolare scrittore americano visse felice per una ventina d’anni, fino alla morte avvenuta per suicidio.

Ebbe come ospiti numerosi artisti e intellettuali provenienti da tutto il mondo e scrisse alcuni dei suoi migliori romanzi, quali Il vecchio e il mare, Per chi suona la campana e Addio alle armi.

Cosa fare a Cuba per un itinerario sulle orme di Hemingway

Ad Havana Vieja, il quartiere storico, si avvicendano diverse architetture. Spiccano più di novecento edifici di importanza storica i cui diversi stili passano dal barocco all’art déco.

Un’atmosfera unica avvolge coloro che si inoltrano tra le stradine della città vecchia, ricche di originali gioielli architettonici.

Imperdibili le piazze principali, collegate tra loro da strette stradine lastricate: Plaza de la Catedral, antico centro religioso cittadino, Plaza de Armas con la sua imponente fortezza, Plaza Plaza Veja con il grande mercato e Plaza de San Francisco de Asìs che in tempi remoti fu il principale molo per carico e scarico merci dai galeoni spagnoli.

Tantissimi i musei da visitare in questa splendida zona della città.

L’Avana, affascinante capitale dell’isola di Cuba, è una città vivace e sempre in movimento, dove la vita quotidiana scorre per le strade tra venditori ambulanti, bambini che giocano a calcio, spettacoli musicali, performance, cabaret e improvvisazioni.

Plaza de la Revolucion

Sfondo della rivoluzione cubana, è una delle piazze pubbliche più grandi al mondo con i suoi settantaduemila metri quadrati. Ha valore storico notevole per essere stato teatro dei principali eventi della Rivoluzione a Cuba.

E’ possibile ammirare il Memorial a Josè Martin, il gigantesco monumento alto quasi centoquarantadue metri che accoglie un museo e una terrazza panoramica a centoventinove metri d’altezza.

Inoltre, sulla facciata del Ministero degli Interni, troviamo il murales dedicato a Che Guevara.

Castello del Morro

All’ingresso della Baia dell’Avana, emerge il Castello del Morro, complesso di fortificazioni difensive del XVII e XVIII secolo.

Cuba tra rum e musica

L’Avana è una città spumeggiante dove si svolgono moltissime feste, eventi e spettacoli musicali dal vivo. Lasciatevi travolgere dal ritmo cubano: qui, la musica è storia e cultura da sempre.

Cuba è nota per i suoi sigari, i ritmi trascinanti e il pregiato rum con il quale si possono creare gustosi cocktail, a partire dal Mojito autentico (drink prediletto di Hemingway) fino al Cuba Libre.

Hemingway negli anni trascorsi a L’Havana ha tessuto rapporti con persone di tutti i ceti sociali e senza interessarsi affatto alle appartenenze politiche. Più volte è stato immortalato con Fidel Castro.

Non a caso, all’interno de El Floridita, uno dei suoi bar preferiti, troviamo una statua di bronzo in suo onore e una fotografia che lo ritrae con Castro.

In questo locale è stato inventato il cocktail Daiquirì, mentre ne La Bodeguita del Medio, altro locale che prediligeva l’autore, è  stato inventato il Mojito.

I premi vinti da Hemingway

Hemingway è uno di quei personaggi che grazie al suo lavoro ha ottenuto l’immortalità, lasciando come eredità opere definite pietre miliari per la letteratura americana.

I suoi racconti e romanzi, talvolta anche autobiografici, sono scritti con un linguaggio, moderno e rapido. Il suo ultimo romanzo Il Vecchio e il mare, gli valse il premio Pulitzer nel 1953 e il Premio Nobel per la letteratura nel 1954.

Per non perdere gli articoli di Life & People seguiteci su Google News