Il primo drop della collezione più attesa dell’anno è finalmente arrivato; il nuovo corso di Lanvin si è aperto con la linea curata da Future, uno dei rapper più influenti della scena mondiale. L’artista è il primo talent coinvolto per Lanvin Lab, ambizioso progetto della maison incentrato sul dialogo tra la moda e le altre arti seguendo lo spirito della fondatrice Jeanne.

Un unicum nella moda

Quella avviata da Lanvin è un’iniziativa che, al momento, si sta dimostrando un unicum tra i brand più in auge, ma che potrebbe rivelarsi un intuizione vincente. Infatti, la casa francese, dopo l’addio di Bruno Sialelli (confermato ad aprile 2023), ha deciso di non affidarsi più ad un Direttore Creativo in pianta stabile, avviando dunque un progetto diverso, nominato Lanvin Lab, mirato a instaurare collaborazioni temporanee con creativi già affermati (o in fase di esplosione) nel mondo dell’intrattenimento e dell’arte.

Collezione Lanvin Future Life&People MagazineLa scelta del profilo del rapper Future, annunciata lo scorso giugno, non è arrivata di certo per caso: la maison ha colto la palla al balzo, cavalcando il trend già avviato con Louis Vuitton che, in tempi recenti, ha accolto l’istrionico Pharrell Williams alla Direzione Creativa della sezione uomo, ottenendo un riscontro significativo. Non è la prima volta che il musicista di Atlanta si approccia al mondo fashion. In passato si ricorda una partnership proficua con il brand di scarpe Reebook rappresentata dalle famose Furykaze, fusione tra il modello Fury e quello Kamikaze, ispirate al segno zodiacale dell’artista, lo scorpione.

I dettagli della collezione

La linea, lanciata ufficialmente oggi, 21 novembre, con sistema drop che andrà avanti fino al 2024, si presenta con una “connotazione spaziale” che prende spunto dalla natura trasformativa dei sistemi cosmici. Interessante notare inoltre come la collection sia soprannominata “Pluto”, titolo del primo album in studio del rapper uscito nel 2012 (nonché suo altro pseudonimo).

Collezione Lanvin Future Life&People MagazineLa gamma proposta è unisex, composta essenzialmente da capispalla sofisticati e impreziositi da innesti più rock. Presenti, inoltre, giacche in pelle con borchie e decorazioni con stelle. Completano il look pantaloni sartoriali e salopette in denim sbiadito liberamente ispirato agli anni Quaranta e tempestato dal monogram del marchio. Inserite poi T-shirt grafiche e cinture con logo Lanvi in vista. Particolare attenzione anche agli accessori, con il motivo dell’aquila che svetta nelle borse in pelle e negli occhiali scuri. Accompagna la collezione Lanvin LAB una nuova versione della sneaker Curb 3.0 con la tomaia in pelle scamosciata, suole in gobba e linguette a sbuffo.

Un’atmosfera a cavallo tra musica e moda

In fase di presentazione il rapper Future ha dichiarato di aver concepito la collezione pensando ad un’atmosfera ben precisa, capace di unire l’importante heritage di un marchio storico come Lanvin e la sua personale cifra stilistica, quindi anche alla sua musica. Secondo il musicista il trait d’union tra lui e il brand è quello di saper creare una esperienza:

Collezione Lanvin Future Life&People Magazine

«Ho voluto creare un’atmosfera con questa collezione -ha detto Future qualcosa che si può percepire quando la si indossa. Jeanne Lanvin traeva ispirazione dalla sua vita. Siamo simili in questo modo, creiamo dall’esperienza».

Collezione Lanvin Future Life&People Magazine

E ora che il primo drop di abiti è stato rilasciato in tutto il mondo, l’attenzione si sposterà sul prossimo talent che verrà chiamato da Lanvin per sviluppare la seconda collezione. La curiosità sarà intuire la direzione in cui si muoverà il marchio dopo aver optato per un opening tutto sommato “sicuro” e già in confidence con il fashion system. Quale sarà la prossima mossa?

Leggi anche: La “Rockstar” Dolly Parton si innamora dei Maneskin: la nuova “Jolene”

Condividi sui social