Fa scalpore la notizia di un mastro gelatiere friulano emigrato in Germania, Thomas Micolin, che ha creato per i suoi clienti una nuova specialità: il gelato con i grilli. L’inedito gusto ha un sapore che si avvicina a quello del gelato alla nocciola e può essere servito in coppetta anche con una spolverata di insetti essiccati. A quanto pare, una lunga fila di clienti eccitati dalla nuova esperienza culinaria ha preso d’assalto la gelateria, nella città tedesca di Rottenburg, creando lunghe file. Il gelato è stato preparato con farina di grilli, panna, estratto di vaniglia e miele. Micolin è ora il primo gelatiere d’Europa a introdurre la polvere di grilli nella produzione di gelato.

“Molti storcono il naso, ma chi l’ha provato ha ammesso che è speciale” – ha spiegato l’autore della nuova creazione a base di insetti.

La trovata del gelataio di Rottenburg non è solo una semplice notizia curiosa:

la farina di grilli rientra nell’elenco dei novel food e il via libera al suo consumo è un argomento dei più seri che tocca temi caldi come la crisi energetica e la sostenibilità delle colture.

Gelato con i grilli|Life&people Magazine

La FAO consiglia il consumo di insetti come sostitutivo delle proteine animali.

Infatti, l’allevamento degli insetti richiede un impiego inferiore di energia, ha costi di produzione più bassi e riduce le immissioni di gas serra prodotte dall’allevamento degli animali. Non solo, gli insetti sono ricchi di proprietà nutrizionali: forniscono proteine proprio come la carne e il pesce e sono anche ricchi di vitamine, sodio, calcio e fibre. Per questo, la farina di grilli della specie Acheta domesticus, da sempre consumata in Africa e nei Paesi orientali, oggi è considerata anche in Occidente un’opportunità. Anche se le larve, le locuste e i grilli ancora non appartengono alla cultura alimentare occidentale, il Canada, l’Australia e gli Stati Uniti hanno già avviato l’impiego della farina di grilli nella produzione di crackers e snack. Non solo: questi paesi stanno anche sperimentando l’introduzione di altri insetti in campo alimentare.

Nel corso della storia, abbiamo già introdotto sulle nostre tavole “nuovi alimenti”

Pensiamo ai pomodori, al mais e ai frutti tropicali: questi cibi sono arrivati nel nostro Continente solo in età moderna. Oggi, secondo la normativa dell’Unione Europea, qualsiasi cibo che non sia stato consumato “in modo rilevante” – prima del maggio 1997 -, è un nuovo alimento. Appartengono a questa categoria:

  • gli oli ricchi di acidi grassi omega-3 derivati dal krill come nuova fonte alimentare
  • gli insetti commestibili
  • nuove sostanze come gli steroli vegetali
  • le nanotecnologie come nuove modalità di produzione alimentare.

Nel 2023 l’Unione Europea ha dato il via libera alla farina di grillo sul mercato italiano

. L’Unione Europea, con il regolamento di esecuzione Ue 23/5 2023, ha autorizzato la società Cricket One Co. ad introdurre sul mercato italiano la polvere parzialmente sgrassata di Acheta domesticus, ovvero il grillo domestico.

Gelato con grilli | Life&People Magazine

Quali sono i generi alimentari in cui si può trovare la farina di grillo?

La farina di grillo si trova in generi alimentari come:

  • prodotti da forno come cracker, grissini, biscotti
  • salse
  • prodotti sostitutivi della carne
  • bevande come la birra
  • prodotti a base di cioccolato

In ogni caso, non bisogna temere di consumare farina di grillo senza esserne al corrente

Prima di entrare nel mercato alimentare, anche i novel food ricevono un’autorizzazione. L’EFSA, – Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare -, è l’ente incaricato di certificare la commestibilità dei nuovi alimenti, attraverso test tossicologici e allergici. Quindi, la presenza di polvere di insetti è sempre riportato per obbligo di legge sull’etichetta della confezione come qualsiasi altro ingrediente. Dunque, il rischio di consumare farina di grillo a nostra insaputa nei generi alimentari presenti sugli scaffali dei nostri supermercati, così come nel gelato delle nostre gelaterie, è un rischio che difficilmente corriamo.

Condividi sui social