Un brand che non si smentisce mai. La Milano Fashion Week vive il suo momento caleidoscopico pieno di ironia e glamour nella sua terza giornata, chiusa con l’originalissima sfilata di Moschino che, per l’occasione, ha presentato la sua collezione Primavera Estate 2023 mandando in visibilio gli ospiti presenti in un tripudio di leggerezza rigorosamente “gonfiabile”.

La centrifuga balneare firmata Jeremy Scott

Tutto il fashion show creato dall’istrionica mente di Jeremy Scott, Direttore Creativo della maison dal 2013, si basa ironicamente sugli stereotipi tipici della stagione più calda, divertendo con abiti cigno, delfini gonfiabili nelle maniche ma anche con giubbini di salvataggio, talvolta sfoggiati sotto forma di mini trench. Presenti inoltre dei capi a sirena, ovviamente super sexy, impreziositi da pailettes e da altri accessori sempre a formato gonfiabile, tra cui spiccano orecchini e borse con la valvola dell’aria. Tutto chiaramente coerente con quelle celebri tre “I” inventate da Franco Moschino negli anni Ottanta in riferimento ai capi: “iconici”, “imprevedibili” e “irriverenti”.

Moschino Primavera Estate 2023 Life&People Magazine

Una collezione per prendersi gioco del sistema

Ancora una volta dunque Scott si prende gioco del sistema moda creando abiti di tendenza, prendendo gli elementi più caratteristici dell’estate e sfoggiandoli in passerella così come sono confezionandoli con la solita difficilissima tecnica sartoriale, talmente elevata da rendere l’abito appetibile e desiderabile, come solo le grandi maison sono in grado di fare. Tra le riletture parodistiche spicca ad esempio il noto modello tweed di Chanel, diventato un must con Jakie Kennedy e ripensato in una tonalità blu e giallo con un copricapo galleggiante.

Moschino Primavera Estate 2023 Life&People MagazinePresente anche un tripudio alla cultura del flamenco, rappresentata dai tanti cuori inseriti nelle creazioni, sia sotto forma di accessori che proprio negli abiti, tra cui emerge uno splendido total look nero con cuori ricamati e una giacca da torero. Si respira in linea generale una frizzantissima aria da Beverly Hills, tipicamente anni Ottanta ma svecchiata e riproposta in modo modernissimo e contemporaneo in ogni dettaglio, dalle unghia all’acconciatura, passando ovviamente per il make up, ache questo studiato alla perfezione.

E c’è anche Crudelia nella collezione Primavera Estate 2023 Moschino

Ma non finisce qui, perché come sappiamo Moschino ama ispirarsi anche al mondo ludico e delle fiabe, come testimoniano le sue precedenti collaborazioni con Barbie o con l’universo dei Looney Tones. Anche questa volta non è stato da meno, sfoggiando in passarelle due look, uno più bello dell’altro, con un chiaro riferimento a Crudelia (cattiva de “La carica dei 101”) e, sul finale, al famosissimo abito azzurrino di Cenerentola, proposto in versione marittima e gonfiabile, probabilmente destinato a rimanere impresso nella memoria collettiva per diverso tempo.

Moschino Primavera Estate 2023 Life&People MagazineApplausi a scena aperta quindi una volta concluso uno degli show con la presenza più alta di celebrity di tutta la manifestazione, basti pensare alla presenza di star mondiali come Chiara Ferragni, Heidi Klum e Alessandra Ambrosio, le quali hanno posato per lungo tempo davanti ai fotografi prima che si accendessero i riflettori. In prima fila inoltre anche Francesca Michielin, appena eletta tra le cento donne italiane più influenti dell’anno.

Leggi anche: Fendi porta in passerella l’eleganza anni ’90 per la prossima Primavera Estate 

Condividi sui social
Per non perdere gli articoli di Life & People seguiteci su Google News