Una stagione ricca di novità in ambito culturale. Le mostre di storia dell’arte da non perdere sono tante; abbiamo provato a vedere quali sono gli appuntamenti più attesi dell’autunno/inverno 2022/2023 in Italia.

  • Bologna, i pittori di Pompei

Dal 23 settembre 2022 al 19 marzo 2023 il Museo Civico Archeologico di Bologna ospiterà la mostra “I pittori di Pompei”. Curata da Mario Grimaldi e prodotta da MondoMostre, la rassegna vede oltre cento opere di epoca romana appartenenti alla collezione del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Un percorso espositivo che pone al centro le figure dei pictores, gli autori degli apparati decorativi nelle domus di Pompei, Ercolano e dell’area vesuviana.

  • Padova, la mostra sul futurismo dal 1910 al 1915 a Palazzo Zabarella

Dal 1° ottobre 2022 al 26 febbraio 2023, a Padova, a Palazzo Zabarella, la mostra Futurismo 1910-1915. Curata da Fabio Benzi, Francesco Leone, Fernando Mazzocca, l’esposizione offre una visione nuova ed originale del movimento, concentrandosi sulla fondazione del movimento e la pubblicazione del Manifesto della Ricostruzione Futurista dell’Universo.

  • A Roma, nella cornice di Palazzo Bonaparte, si celebra Van Gogh

Dall’8 ottobre fino al 26 marzo 2023 una mostra presenta i “Capolavori dal Kröller-Müller Museum”. Attraverso 50 opere, tra cui alcuni pezzi famosissimi come l’Autoritratto del 1887, il percorso curato da Maria Teresa Benedetti con Francesca Villanti ricostruisce i periodi e i luoghi dove Van Gogh visse: da quello olandese, al soggiorno parigino, a quello ad Arles, fino a St. Remy e Auvers-Sur-Oise, dove mise fine alla sua vita.

  • Milano, la monografica su Max Ernst a Palazzo Reale

Dal 4 ottobre 2022 al 26 febbraio 2023 Palazzo Reale a Milano ospita la prima retrospettiva italiana dedicata a Max Ernst. La mostra, promossa e prodotta da Comune di Milano-Cultura e da Palazzo Reale, in collaborazione con Madeinart, è curata da Martina Mazzotta e Jürgen Pech e vede la presenza di oltre 400 opere tra dipinti, sculture, disegni, collages, fotografie, gioielli e libri illustrati provenienti da musei, fondazioni e collezioni private, in Italia e all’estero.

  • Pisa, la grande mostra sui Macchiaioli

Dall’8 ottobre 2022 al 26 febbraio 2023 la Fondazione Palazzo Blu di Pisa quest’autunno dedica la sua grande mostra ai Macchiaioli. Sarà presentata la retrospettiva dal titolo “I Macchiaioli”. A cura di Francesca Dini, storica dell’arte, prodotta e organizzata da Fondazione Palazzo Blu e MondoMostre attraverso oltre 130 opere, provenienti per la maggior parte da collezioni private, ma anche da importanti istituzioni museali come le Gallerie degli Uffizi, il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, la Galleria d’arte moderna di Genova e la Galleria Nazionale d’arte Moderna di Roma, l’esposizione ripercorre l’evoluzione e la rivoluzione dei Macchiaioli, nella seconda metà dell’Ottocento.

  • Milano, la mostra su Andy Warhol alla Fabbrica del Vapore

Dal 22 ottobre 2022 al 26 marzo 2023, la Fabbrica del Vapore di Milano ospita una grande mostra dedicata a Andy Warhol intitolata con lo stesso nome del celebre pittore. Verrà ripercorsa la carriera di Warhol – saranno trecento oggetti a rappresentarla divisi in sette aree tematiche – dagli inizi negli anni Cinquanta sino all’ultimo decennio di attività negli anni Ottanta. La mostra è promossa e prodotta da Comune di Milano–Cultura e Navigare, curata da Achille Bonito Oliva con Edoardo Falcioni.

  • Modena, la mostra dossier su Ligabue alla Galleria BPER

Dal 16 settembre 2022 al 5 febbraio 2023 a Modena andrà in scena una mostra dossier dedicata ad Antonio Ligabue. Curata da Sandro Parmiggiani, l’esposizione dal titolo “Antonio Ligabue” è un riconoscimento all’ artista tramite quattro dipinti che fanno parte della collezione d’arte di BPER Banca. Accanto ai dipinti di proprietà dell’istituto bancario, ci sarà anche esposta una selezione di opere provenienti da collezioni private, al fine di rappresentare i principali temi a cui si è dedicato il noto l’artista di Gualtieri.

  • Museo degli Innocenti di Firenze mostra dedicata ad Echer

Dal 20 ottobre fino al 26 marzo 2023 arriva l’esposizione dedicata ad Escher. Al Museo degli Innocenti 200 opere saranno ospitate in una sede espositiva unica. Un racconto sull’ artista olandese con le opere più iconiche della sua produzione quali Mano con sfera riflettente (1935), Vincolo d’unione (1956), Metamorfosi II (1939), Giorno e notte (1938) e la serie degli Emblemata, che appartengono all’immaginario comune riferibile al grande artista. Con il patrocinio del Comune di Firenze, dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi, la mostra è prodotta e organizzata da Arthemisia.

  • Roma, la pittura su pietra del Seicento alla Galleria Borghese

Dal 25 ottobre 2022 al 29 gennaio 2023, la mostra “Meraviglia Senza Tempo” a cura di Francesca Cappelletti e Patrizia Cavazzini: è una esposizione dedicata alla pittura su pietra nel Seicento a Roma, ai suoi usi e ai suoi significati. Il racconto prende avvio dal 1527, anno del Sacco di Roma. Sebastiano del Piombo, disperato per la perdita di molti dipinti, comincia a dipingere su supporti diversi dalla tela, più resistenti ai pericoli e al tempo, e dunque capaci di protrarre la vita dell’opera: L’invenzione della pittura su pietra è opera del pittore veneto.

  • Mantova, la grande mostra su Pisanello a Palazzo Ducale

Dal 7 ottobre 2022 all’8 gennaio 2023, un altra grande mostra su Pisanello (Antonio Pisano). In occasione dei cinquant’anni dall’esposizione sullo stesso artista, la mostra curata da Giovanni Paccagnini riscopre nelle sale di Palazzo Ducale di Mantova un ciclo decorativo a tema cavalleresco dipinto a tecnica mista intorno al 1430-1433 proprio dal Pisanello.

  • Genova, la mostra su Rubens a Palazzo Ducale

Dal 6 ottobre 2022 al 22 gennaio 2023, una grande mostra dedicata a Peter Paul Rubens. Intitolata “Rubens a Genova”, l’esposizione ripercorrerà e si concentrerà sul rapporto tra il grande artista barocco e la città ligure. La mostra, a cura di Nils Büttner e Anna Orlando, è prodotta dal Comune di Genova con Fondazione Palazzo Ducale per la Cultura e la casa editrice Electa. Un progetto che nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622).

Condividi sui social
Per non perdere gli articoli di Life & People seguiteci su Google News