Di norma si tende a pensare che la bellezza delle gambe non riguardi le ginocchia. Eppure questa parte del corpo è spesso in evidenza, soprattutto quando si indossano vestiti e gonne particolarmente corte. Ecco perché, soprattutto negli ultimi anni, sono spuntate sul mercato diverse soluzioni che vi permettono di prendervi cura degli inestetismi della pelle. A vostra disposizione c’è infatti un’ampia gamma di possibilità; tutto dipende dal budget a vostra disposizione e dalle vostre condizioni di partenza. Partiamo per esempio dalle iniezioni di acido ialuronico al ginocchio.

Le iniezioni di acido ialuronico al ginocchio

combinate con amminoacidi e vitamine possono donare un effetto ricompattante, anche se in questo caso in una concentrazione decisamente più diluita rispetto a quella che viene applicata in viso. Questo tipo di filler provoca e stimola la produzione naturale di collagene e rende, così, la pelle più tonica. Qualcosa di molto simile si può ottenere anche utilizzando la idrossipatite di calcio, che ha un doppio effetto: da un lato, dona un lifting alla cute, dall’altro migliora la qualità della pelle.

Nell’ambito della chirurgia estetica l’acido ialuronico (ad alto peso molecolare leggermente reticolato) può anche essere iniettato in un mix con degli enzimi specifici. Questo è il caso del Pbserum HA 1.5, particolarmente adatto per le sue caratteristiche di reshaping.

Parlando di quest’ultimo trattamento nello specifico, abbiamo incontrato il medico estetico milanese Stefania Enginoli, la quale ha commentato:

“Gli enzimi, che sono proteine esistenti nel nostro organismo, in grado di favorire in modo selettivo il metabolismo, si avvalgono di una combinazione particolare. Essa comprende lipasi, collagenasi e liasi, capace di contrastare gli accumuli di grasso, ma anche di potenziare l’attività delle fibre elastiche migliorando il tono cutaneo. Insomma, un ‘due in uno’ che contrasta lassità e ridisegna i contorni”.

Stiamo parlando, almeno per il momento, di trattamenti di medicina estetica indicati in linea generale per curare inestetismi non particolarmente evidenti. Anche l’associazione della radiofrequenza multipolare alle iniezioni di acido ialuronico, al fine modificare la texture cutanea, può essere un’opzione utile, per esempio, ma solo nel caso in cui le pieghe siano superficiali. Un’esperta di rimedi di bellezza, come Stefania, ci ha spiegato inoltre che:

“Quando ci troviamo ad affrontare rughe di media entità è molto efficace Thermage FLX, un macchinario americano arrivato da poco più di un anno in Italia, che funziona sempre come una radiofrequenza per distendere la pelle e attenuare le rughe. In questo caso però in modo più calibrato e preciso, senza creare alcun danno”.

iniezioni acido ialuronico ginocchio Life&People Magazine LifeandPeople.itQuest’ultimo trattamento, ricorda il medico, può essere applicato con una frequenza particolarmente elevata, visto che sulle gambe siamo molto meno sensibili rispetto ad altre parti del corpo.

Per quanto riguarda le ginocchia, inoltre, può rivelarsi molto utile anche la carbossiterapia.

In questo caso specifico, per poter trattare determinati tipi di difettucci viene somministrato al pazienze, in forma sottocutanea, l’anidride carbonica. Questo tipo di terapia ha origini agli inizi del secolo scorso, quando in alcuni centri termali veniva utilizzata la CO2 per trattare le arteriopatie. Se in un primo momento, considerato lo sviluppo tecnologico, tale soluzione consisteva banalmente in bagni in acqua termale particolarmente ricca di anidride carbonica, adesso le cose sono cambiate. La carbossidoterapia, una delle possibili alternative alle iniezioni di acido ialuronico per gli inestetismi del ginocchio, ha fatto passi da gigante. Oggi infatti è possibile sottoporsi alla terapia in ambulatorio con un’apparecchiatura certificata e priva di qualunque rischio.

iniezioni acido ialuronico ginocchio Life&People Magazine LifeandPeople.itSono innumerevoli i benefici della carbossidoterapia.

Grazie a questo particolare tipo di terapia è, infatti, possibile invertire il processo che porta all’alterazione del tessuto adiposo, e di conseguenza alla creazione della cellulite. Ma non solo… Il trattamento permette di rompere le membrane delle cellule adipose e di riattivare la circolazione. In questo modo assicura un effetto sulla tanto fastidiosa adiposità locale e anche su ulcere vascolari e varici. Per prendersi cura del ginocchio, oltre alle iniezioni di acido ilaruronico e alla carbossidoterapia, vale la pena citare, infine, la mesoterapia. Quest’ultima soluzione sfrutta una sostanza lipolitica innovativa chiamata Alidya, capace di attenuare il ristagno dei liquidi.

Leggi anche: Gambe più lunghe, quale look indossare?

Condividi sui social
Per non perdere gli articoli di Life & People seguiteci su Google News