Dopo un periodo passato a visionare le nuove collezioni dietro ad uno schermo, Dior per la Haute Couture Autunno Inverno 2021-2022 ritorna in passerella con uno show dal vivo, in cui il ricamo, i fili e i tessuti sono gli elementi base della collezione, elementi proposti dalla direttrice creativa Maria Grazia Chiuri ormai da cinque anni.

Dior Haute Couture autunno inverno 2021 2022 Life&People Magazine LifeandPeople.it

Con questa sfilata, la designer da un nuovo significato alla parola “ricamo”, mettendo in risalto i valori base dell’arte couturier, ovvero la manualità e il lavoro individuale dell’artigiano. Dalla sua entrata nella maison, Maria Grazia Chiuri ha sempre unito moda e arte, infatti, anche questa volta la designer chiede la collaborazione di un artista per l’allestimento dello scenario della sfilata: Eva Jospin, artista visiva francese, ha realizzato ampie pareti, Chambre de Soie, rivestite da fili in seta intrecciati in scala 1 a 1 che richiamano le tappezzerie all’indiana presenti nella Sala dei ricami di Palazzo Colonna a Roma: la sfilata prende vita all’interno del giardino del Museo Rodin in rue de Varenne a Parigi.

Dior Haute Couture autunno inverno 2021 2022 Life&People Magazine LifeandPeople.it

La collezione Dior Haute Couture A/I 2021 2022

è ispirata al libro Threads of Life dell’artista tessile e curatrice Clare Hunter, fondamentale per acquisire conoscenza sul valore della tessitura, infatti gli abiti creano uno storytelling sulla tecnica del ricamo tramandata di generazione in generazione. Una tecnica che richiama non solo il senso della vista ma anche quello del tatto, non più solo un ornamento decorativo ma uno strumento di percezione astratta. In passerella troviamo sia daywear che abiti da sera in plissé, strascichi o catene che disegnano motivi sul corpo, camicie di organza, giacche in velluto nero con gonne in patchwork di seta, cappe in tweed bouclè e abiti in chiffon costruiti con una cascata di piume.

Troviamo colori come l’oro, la terracotta, l’arancione e l’azzurro polveroso, il nude o il verde pastello, un omaggio a Monsieur Dior. I colori rendono omaggio al fondatore della maison francese così come la presenza nella collezione della giacca Bar, iconico capo della collezione New Look del 1947 e, ancora, i dettagli floreali, una delle passioni di Christian Dior.

Dior Haute Couture fall 2021 Life&People Magazine LifeandPeople.it

Per il gran finale, Maria Grazia Chiuri  propone un abito richiamando i toni di un sottobosco arricchito di piume, che lascia un’emozione unica negli occhi di chi guarda.

La direttrice creativa propone la collezione Fall Winter 2021-2022 come avanguardia: “L’haute couture propone ciò che non sapevamo di volere e, così facendo, ci rivela ciò che non sapevamo. Non è forse quello che fanno le avanguardie? Rendere visibile ciò che non si vede. Definire, attraverso la pratica artistica, le pulsioni di un mondo in trasformazione”.

Una sfilata composta da abiti perfetti, unici che rappresentano la rinascita della moda, del piacere e dell’energia che solo queste sfilate sono in grado di trasmettere.

Il tessuto diventa materia viva, focus fondamentale dell’esperienza che Maria Grazia Chiuri offre al suo spettatore e poi cliente. Strutture austere che entrano in contrasto con elementi leggeri, suscitando sensazioni oniriche e surreali. Una magia che diventa sogno perché “L’Haute Couture non può essere anacronistica, ma deve vivere e nutrirsi della quotidianità”.

 Life&People Magazine LifeandPeople.it

Leggi anche – Dior Cruise 2022: gli abiti bianchi che omaggiano l’antica Grecia 

Condividi sui social
Per non perdere gli articoli di Life & People seguiteci su Google News