Dobbiamo dire addio ad Alber Elbaz, lo stilista israeliano, ex direttore creativo di Lanvin, aveva 59 anni. Amatissimo da tutto il settore della moda per la sua empatia e sensibilità, era dotato di un eccezionale talento.

Uno dei designer preferiti sul red carpet da Beyoncé, Michelle Obama, Kim Kardashian a Sarah Jessica Parker, per il suo spiccatissimo senso della bellezza. Nato a Casablanca, in Marocco e cresciuto in Israele, Elbaz aveva studiato allo Shenkar College of Engineering and Design. Era un ragazzo prodigio che già all’età di sette anni aveva iniziato a disegnare abiti.

Malgrado il suo immenso talento, la sua carriera è stata costellata di licenziamenti eclatanti.

Elbaz è stato l’assistente designer di Geoffrey Beene a New York prima di trasferirsi a Parigi nel 1997 per diventare responsabile del design prêt-à-porter di Guy Laroche. Passò poi a Yves Saint Laurent, ma dopo tre anni fu licenziato dal gruppo Gucci, che controllava Yves Saint Laurent.

Dopo una breve incursione presso Krizia, nel 2001 diventò direttore creativo di Lanvin, collaborazione che durò 14 anni, fino al 2015. Il suo contributo estetico e creativo e la sua guida, trasformò e rinnovò non solo l’etichetta ma anche il rapporto della moda con Hollywood.

Durante i 14 anni di splendido lavoro, Elbaz ha rilanciato la casa di moda francese, con interpretazioni moderne di abiti da cocktail in seta e modelli colorati e femminili.

“Si trattava solo di dare agio alle donne”,

ha detto dei suoi abiti con zip industriali e bordi grezzi, due dei tratti distintivi che ha introdotto per Lanvin.

Addio Alber Elbaz Life&People Magazine LifeandPeople.it

Meryl Streep ha indossato una delle sue creazioni alla premiazione degli oscar come migliore attrice  per “The Iron Lady”, nel 2012. Ma anche attrici come Lupita Nyong’o, Pharrell Williams, Natalie Portman, Harry Styles,N icole Kidman e Julianne Moore lo hanno scelto per le loro incursione sul red carpet.

Beyoncé indossò uno dei suoi abiti per annunciare la sua prima gravidanza, era amatissimo e apprezzato da tutto lo Star System. Le vendite di Lanvin crollarono dopo la sua partenza e il marchio infine fu acquistato dalla cinese Fosun. Dopo il divorzio da Lanvin, Elbaz amareggiato, fece una pausa di cinque anni, per innamorarsi di nuovo della moda, per poi tornare con il lancio di AZ Factory.

Una collaborazione con Richemont che mirava a produrre moda femminile inclusiva, ed eco-sostenibile. Unendo artigianato e tecnologia ma anche taglie forti per le donne e gli uomini.

“Il nostro lavoro come designer è ascoltare, capire. Per tutta la mia carriera ho sempre lavorato con donne e per donne”.

“Mi sono chiesto: ‘Se fossi una donna, cosa vorrei? Qualcosa che sia prima comodo, divertente.

Qualcosa che mi permetta di mangiare una grande fetta di torta”.

disse della nascita della sua nuova linea nel 2019.

Al di là del suo talento nel design, Elbaz è ricordato e amato per il suo spirito.

La designer di Dior Maria Grazia Chiuri

ha detto di essere stata “la prima persona che l’ha fatta sentire a casa nel settore della moda”.

“Era una luce come nessun’altra al mondo”, ha scritto la stilista Stella McCartney su Instagram. “Nella moda, il suo immenso talento brillava così luminoso che ha stracciato le convenzioni e avvolto un milione di anime nella felicità quando hanno indossato le sue creazioni.”

La modella Erin O’Connor lo ha definito un “fine, gentile gentiluomo creativo “.

Kim Kardashian ha scritto: “Alber mi ha vestito per la mia prima copertina di Vogue e mi ha regalato l’abito per mantenere quel ricordo per sempre”. Sarah Jessica Parker ha pubblicato una foto dei ricordi che ha ricevuto dal designer, dicendo: “Ha sempre lasciato piccoli appunti all’interno dei pacchi … [era] amato e ha portato gioia in ogni occasione”.

L’ultima apparizione pubblica di Elbaz è stata a gennaio durante la settimana della moda a Parigi, lo ricorderemo anche per il suo stile personale con una giacca, un grande papillon e occhiali a montatura grossa.

Leggi anche – Addio Karl Lagerfeld: moda in lutto per la scomparsa dello stilista di Chanel e Fendi

Condividi sui social