Christian Louboutin rende omaggio a Parigi con una nuova borsa. Inventa nuvole e lettere d’amore per una collezione “Vie en rose, così l’estate 2020 si tinge di colore, fantasia e tanto romanticismo. Sono trascorsi trent’anni dagli esordi come stilista. Una mostra al Palais de la Porte Dorée ha appena reso omaggio a Christian Louboutin, che torna sulla scena del prêt-à-porter.

La borsa Christian Louboutin è un’immersione parigina

“La vita è rosa”, teorizza l’intera collezione primavera estate 2020.

In verità è la quinta della serie Cabas (dopo AfricabaMexicaba, Manilacaba e Portugaba). Questa volta viene realizzata in connubio tra Christian Louboutin e l’illustratrice francese Hélène Tran.

“Ho incontrato Hélène Tran trent’anni fa quando lavorava per Vogue – spiega lo stilista – . C’è sempre stata un’affinità di vedute, abbiamo sempre avuto feeling sul lavoro.

borsa cabaraparis Louboutin Life&People Magazine LifeandPeople.it

È un’artista, ma anche un’artigiana. La tecnica è importante per il suo lavoro, ma entrambi condividiamo una visione eterea di Parigi, una sorta di versione immaginaria della città.

Apprezzo il suo stile, mi piace come sa dare vita e movimento alle illustrazioni. Riesce a catturare l’essenza della città”.

Nasce così la prima borsa Christian Louboutin, Cabaraparis, dedicata alla Ville Lumière.

Disponibile in due modelli, entrambi decorati con cristalli e foto che incorniciano alcuni particolari di Parigi.

Cabaraparis, in modo particolare mostra una Parigi diurna e una Parigi notturna.

la nuova borsa Cabaraparis di Christian Louboutin Life&People Magazine LifeandPeople.it Le scene sono disegnate da Hélène Tran su pannelli in neoprene e ogni stampa raffigura  i monumenti più significativi della capitale francese.

Parigi è la mia musa. È una delle città più amate al mondo, scelta da turisti internazionali perché può vantare magnifiche architetture, ma io che sono un creativo volevo catturare l’elemento fantasy di Parigi”.

La capsule Christian Louboutin è ‘più lieve di un sospir’: Le Baiser de l’Hôtel de Ville, Place Vendôme, Place de la Bastille e la Torre Eiffel, spiccano sulle scarpe stiletto e mary jane.

i tronchetti mesh sono realizzati in pizzo francese, e zeppe e décolleté sono tutte caratterizzate da un’immancabile suola rossa.

Il tutto è completato da lettere d’amore. “E’ una musica d’amor, che sento in fondo al cuor, nell’aria e in ogni cosa, recita Édith Piaf , in “La Vie en rose“.

Christian Louboutin ci ricorda una Parigi visionaria, senza monotonia e perennemente mutevole, così come sono mutevoli i sentimenti.

Potrebbe interessarti anche – Christian Louboutin: the exhibition

Condividi sui social